Superbike Thailandia: MV Agusta regna le libere sul circuito di Burinam

Mar 11, 2016

Pista incredibilmente scivolosa quella di Burinam (Motul Thai Round al Chang International Circuit) e con un sole a 36°, quindi condizioni avverse con le quali i piloti del Mondiale Superbike hanno dovuto fare i conti in questa prima sessione di prove libere del secondo Match stagionale.

Questo weekend infatti si correrà sul circuito thailandese di Burinam, che ha visto in questa prima sessione di libere a sorpresa MV Agusta comandare, con Leon Camier in testa, grazie al tempo segnato di 1’36”047.

Leon-Camier-MV-Agusta-F4-Phillip-Island-2016-494x329

Ha fatto molto bene anche Nicky Hayden, che ha confermato lo stato di forma della “vecchia ma collaudata” Honda assicurandosi la seconda piazza provvisoria.

La prima sessione di libere del Motul Thai Round al Chang International Circuit ha regalato qu subito sorprese, con Leon Camier autore del miglior crono, 1’36.047, davanti a Nicky Hayden e Jonathan Rea.

Honda quindi dimostra una certa competitività su questa pista, come testimonia il quarto posto di Michael Van Der Mark, con sei decimi di distacco da Camier e solo 17 millesimi di ritardo da Rea.

63952df05e964755b51aa2d2b50cfbc2
A chiudere la top five troviamo Tom Sykes e con un ottimo sesto tempo troviamo Matteo Baiocco, che, ricordiamo, sostuisce l’infotunato Fabio Menghi nel team VFT Racing, al suo primo week end stagionale.

Settimo crono per Sylvain Guintoli che è stato frenato da un problema tecnico alla sua Yamaha YZF R1, alla curva 1, seguito da Roman Ramos e dal compagno di squadra nel Pata Yamaha Official WorldSBK Team, Alex Lowes.
A chiudere la top ten Davide Giugliano, alla sua prima esperienza su questo tracciato, mentre Chaz Davies ha chiuso quindicesimo.

434040_6724_big_davide_giugliano_gp

Dopo la lunga assenza per via del noto infortunio alla schiena, Davide Giugliano ha fatto il suo ritorno agonistico in pista proprio a Phillip Island trovando il terzo gradino del podio in Gara-2. Il pilota romano provera a ripetersi in Thailandia, anche se il suo recupero non è ancora completo: “La moto è migliorata parecchio, ma fisicamente non mi sento ancora al 100%. Sono comunque vicino alla migliore condizione possibile e mi farò trovare preparato, perchè quest’anno voglio dare il massimo e tenere se possibile la sfortuna degli altri anni lontano!

 

Commenti

Commenti

 
Superbike 2016

Lascia un commento