L’importanza delle termocoperte per chi va in pista: per andare forte occorrono le scarpe migliori !

Mag 06, 2014

Le termocoperte rivestono un ruolo fondamentale nelle corse, da semplici ‘custodie riscaldanti’ nel corso degli anni sono diventate un vero concentrato di tecnologia !

Il pilota sa che può contare sulla massima aderenza delle sue gomme, anche grazie alle termocoperte che rivestono l’importantissimo (e non banale) compito di portare la gomma alla temperatura giusta.

Occorrono materiali appositi e i giusti tempi. Per non dimenticare le mescole !

Termocoperte Thermal Technology nella MOTOGP

Una termocoperta standard viene tarata a 80° e occorrono circa 50 minuti (1 ora circa anche) per portare il pneumatico progressivamente alla temperatura richiesta.

E’ un processo delicato, che non deve andare minimamente ad intaccare la gomma: infatti in ogni coppia di termocoperte che si rispetti, c’è sempre un sensore speciale che funziona tipo un termostato: interrompe il riscaldamento a temperatura raggiunta. E non solo ! Se la temperatura cala, il sensore si riattiva in automatico.

UN PO DI NUMERI

80°C la temperatura ideale
24 le coppie di termocoperte utilizzate da un team
2.300 cmq di tessuto per realizzare una coppia di termocoperte
4.000 cm di cavo di carbonio per ogni coppia di termocoperte
0,800 kg il peso della termocoperta anteriore
1,200 kg il peso di quella posteriore

Thermal Technology TERMOCOPERTE

Una dei produttori più famosi è senza dubbio TT Thermal Technology, che rifornisce direttamente il Team Fortuna Honda della MotoGp. Queste termocoperte sono state sviluppate anche grazie all’esperienza dei tecnici migliori al mondo riguardo i pneumatici e dai tecnici del Team Gresini !

Speriamo di aver dato al lettore una buona infarinata sull’uso delle termocoperte in ambito pista ! Lamps a tutti i motociclisti !!

Commenti

Commenti

 
Rubrica Tecnica
  1. ezio says:

    Buongiorno, vi siete dimenticati di scrivere che le CAPIT (le più famose al mondo) a differenza di tutte (TT compresa) non prevedono alcun termostato ne differenza di temperatura all’interno dei loro circuiti 🙂 le uniche al mondo autoregolanti a 85°C fissi. Quest’articolo sa di “marchetta” dai…
    a mio parere poco serio…
    Con Cordialità
    ezio

     
    • Christopher says:

      Salve. Le Capit le conosciamo bene e le stimiamo ugualmente per la qualità delle loro termocoperte, senz altro indubbia. L’articolo non voleva essere una BIBBIA delle termocoperte, ma dare delle prime e giuste indicazioni e informazioni in generale a chi si avvicina a comprare le sue prime tercoperte per le prime uscite in pista. Non c’è alcuna marchetta, semplicemente abbiamo deciso di menzionare in particolare le Thermal Technlogy perchè hanno un rapporto qualità prezzo imbattibile, perchè a scendere ancora di prezzo si trovano solo delle gran porcherie (o non esistono proprio). Le CAPIT costano sensibilmente di più. La ringrazio per il commento, saluti

       

Lascia un commento