Cinque gare, due cadute: il quadro nero di Valentino Rossi

Giu 04, 2013

Siamo quasi a un terzo della stagione per carità..però la situazione che sta attraversando Rossi in questo momento non è certamente delle più rosee. Dopo il disastro con Ducati, Vale si trova in classifica con meno punti di Dovizioso, il quale appunto guida una Ducati e questo ci fa riflettere, purtroppo.

Riflettere sulla situazione impensabile su cui nessuno ( o pochi ) avrebbero scommesso.

Per la prima volta dopo 17 anni, non abbiamo visto nessun italiano sul podio al Mugello, in questo quinto round della MotoGP 2013.

Valentino Rossi: solo sfortuna ?

Sono cose che capitano” potrebbe commentare qualcuno…però sinceramente non crediamo solo alla ‘sfortuna’. Certo che sono cose che capitano, ma spesso accadono quando ti qualifichi male, diciamoci la verità. Ti qualifichi male e parti peggio per giunta. E quindi ti ritrovi a lottare per il 9° posto, zona molto calda per eventuali ‘contatti’.

La stagione di Rossi è cominciata male e continua male, al di sotto delle attese dei tifosi, ma in primis al di sotto delle attese di Valentino. Ok ci sono ragazzi terribili quest’anno, che hanno un ritmo pauroso e Rossi ha certamente i suoi anni.. che magari non contano piu di tanto fisicamente .. ma questo fa pensare che a rigor di logica Rossi non sia più il campionissimo di sempre.

E pensare che il Dottore lo avevamo visto ritornare in gran forma in Qatar.. il Rossi di sempre, il Rossi delle rimonte, il fuoriclasse da 9 titoli mondiali. E il resto però ? Finora Valentino in griglia non è mai partito in prima fila. Anche i tempi, se vogliamo, sono pesanti: distacchi medi dalla pole di oltre 1 secondo che è veramente tanto ! Quantomeno non si addicono a un campione come lui.

Valentino Rossi Crash Mugello 2013

Rossi deve migliorare nelle qualifiche, c’è poco da fare. Quest’anno ci sono piloti fortissimi, a partire da Lorenzo che trasuda una voglia di vincere pazzesca, basta guardarlo negli occhi, è al top della forma fisica e mentale.

Detrattori o no, c’è una cosa a cui bisogna assolutamente darne atto: Rossi avrebbe potuto smettere già tempo fa. E invece corre ancora. Perchè ? Noi crediamo che la passione per la moto, le gare, le bagarre, non gli sia mai andata via e questo è encomiabile. In sostanza non si può parlare solo di sfortuna o solo di incapacità. La verità, come al solito, sta in mezzo. E ricordiamo sempre che comunque stiamo parlando di un pilota che è stato l ‘unico nella storia motociclistica ad aver vinto il campionato in 4 classi differenti: 125 (1), 250 (1), 500 (1) e MotoGP (6) e quindi merita di diritto il rispetto di tutti.

E voi cosa ne pensate ? Lasciatelo scritto con un commento 😉

Commenti

Commenti

 
MotoGP
  1. Carlo Tampieri says:

    E' classico di noi italiani, sempre pronti, di fronte alla prima difficoltà a scaricare…

     

Lascia un commento